• Luca Assumma

Il layout del perfetto comunicato stampa

Il perfetto comunicato stampa non si riduce solamente a un testo di parole messe insieme. Anche qui l'occhio vuole la sua parte e anche grafica e impaginazione sono determinanti ai fini della pubblicazione e della ricezione del messaggio. Ecco qualche consiglio per il layout di un comunicato stampa perfetto.



Il comunicato stampa è uno strumento fondamentale per una comunicazione istituzionale o di crisi autorevole e funzionale. Qualunque sia il tuo ruolo, che tu sia un politico, il rappresentante di un’azienda o di un’associazione, e così via, se vuoi comunicare efficacemente con e attraverso i mass-media e l’informazione, devi saper scrivere un comunicato stampa.


In un altro post abbiamo visto tutti i segreti di un perfetto comunicato stampa, che cos'è, come si scrive, quali sono le sue caratteristiche e quali criteri deve rispettare.


Abbiamo pure accennato a come si struttura un comunicato stampa e fra poco ne approfondiremo i singoli punti, ma prima vediamo come impostarne il layout.



IL LAYOUT DEL COMUNICATO STAMPA


Il layout del comunicato stampa corrisponde alla sua impaginazione e alla sua veste visiva. Ovviamente parliamo di una grafica essenziale, chiara, senza troppi fronzoli. Infatti ti consiglio di:

  • Scrivere su un formato A4;

  • Utilizzare margini ampi e omogenei in altezza e larghezza rispetto al testo, senza stare troppo vicini ai bordi del foglio;

  • Usare un carattere sobrio e leggibile come Garamond, Times New Roman e altri. Più sconsigliati gli Arial solo perché alcuni caratteri si confondono (come la i maiuscola con la l minuscola). Assolutamente no a Comic Sans (se non hai un negozio di fumetti, un asilo, ecc.) e altri font eccessivamente aggraziati come Brush o Edwardian;

  • Scrivere su righe di massimo 60-70 battute;

  • Le dimensioni di titolo, eventuale sottotitolo e testo devono essere diverse fra loro;

  • Usare il formato giustificato per il testo (ma non per titolo e sottotitolo).


Detto questo, torniamo alla struttura.


Leggi anche: Perché creare il proprio blog? Ecco i principali vantaggi



LA STRUTTURA DEL PERFETTO COMUNICATO STAMPA: APPROFONDIMENTO


Giornale e struttura - #cosedispin

Come già detto altrove, la struttura del perfetto comunicato stampa prevede:

  1. Logo

  2. Oggetto

  3. Titolo

  4. Sottotitolo

  5. Luogo e data

  6. Testo

  7. Informazioni aggiuntive

  8. “Firma”

  9. Contatti


Vediamone i singoli punti.


Il logo

Il logo (del Comune, di un partito, di un’impresa, di un’associazione, ecc.) va messo in alto e centrato, in modo da avere un impatto visivo forte e immediato.


Oggetto e titolazione

A seguire, c’è l’oggetto, che con estrema sintesi descrive il contenuto del comunicato (ad esempio: “Resoconto concerto di Vasco Rossi”).

Quindi viene il titolo (per esempio “Grande successo per il concerto di Vasco Rossi”), che va scritto con dimensioni più grandi rispetto all’eventuale sottotitolo e al testo. Il titolo va centrato e messo in grassetto, mentre l’eventuale sottotitolo che lo amplia deve essere in corsivo.


Il corpo dell'articolo

Prima del testo o comunque al suo inizio occorre indicare data e luogo in cui si scrive o è avvenuto l’evento. Dopodiché arriviamo al testo, che può essere discrezionalmente diviso in paragrafi con relativi titoletti, dall’importanza decrescente.


Informazioni aggiuntive e allegati

A tutto ciò si consiglia di aggiungere alcuni elementi per rendere il tutto più completo, a cominciare dalle informazioni su chi scrive o realizza il comunicato, su cosa fa e cosa ha fatto, su qual è il suo obiettivo, ecc.

Si possono poi aggiungere link o altro materiale a supporto dei contenuti o delle suddette informazioni, quali dichiarazioni, foto, video, audio…


Le foto sono utili da inviare sia per gestirne la qualità e l’aderenza a quanto si vuole comunicare, sia per facilitare il lavoro del giornalista addetto alla pubblicazione, che per mancanza di tempo o voglia potrebbe ometterne diminuendo così l’efficacia comunicativa. Ti consiglio di inviare più di una foto, in formato sia orizzontale che verticale, lasciando così più scelta e comodità in base ai diversi layout del giornale.


I video vanno inviati con materiale grezzo così che l’editore (previo accordo con lui) lo possa lavorare successivamente: ad esempio, se l’evento di cui si parla è una conferenza, servono delle riprese ambientali o le parole di un relatore della stessa per riassumerne i contenuti.

Se il servizio è già rifinito, ci vogliono una voce narrante e grafiche come i cosiddetti “sottopancia”, importante qualora il destinatario editoriale non possa essere presente ad un evento del quale si vuole informare mediante comunicato.

Entrambi i video (grezzo e rifinito) sono validi sia per l’online che per i tg.


Firma e contatti

Dopo aver firmato con tanto di eventuale indicazione del ruolo (per esempio, Giulio Cesare, Segretario del Partito Popolare), il comunicato deve riportare tutti i contatti disponibili in modo da essere raggiunti in caso servissero ulteriori chiarimenti ed approfondimenti. E quindi indica:

  • numeri di telefono fisso e/o cellulare;

  • indirizzo/i e-mail;

  • sito web;

  • account social;

  • fax;

  • indirizzo fisico della sede di lavoro.


Ti può interessare anche: Cosa fare quando si inizia una nuova attività


Adesso sai come impaginare e impostare il layout di un comunicato stampa perfetto. Se vuoi scoprire o rivedere tutti i segreti di un perfetto comunicato stampa, non ti resta che cliccare sul link. E se hai bisogno di aiuto o di altri chiarimenti, ti basta contattarci! Grazie!




TAG: #ComunicatoStampa #comunicato #stampa #informazione #MassMedia #media #layout #comunicazione #marketing #ComunicazioneIstituzionale #ComunicazioneDiCrisi #CrisisCommunication #CririsManagement

73 visualizzazioni

#cosedispin è il blog personale di Giuseppe Giordano, spin-doctor, consulente politico e di marketing e social media manager

indirizzo email: cosedispin@gmail.com

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco LinkedIn Icon
  • Bianco Twitter Icon